Evangelism Marketing, strategie per convertire

Trasmettere alle persone, che si tratti di clienti o di staff, la propria preferenza per un brand o un prodotto, con lobiettivo di portarle a credere che quellacquisto si riveler pieno di vantaggi, al punto tale da consigliarlo agli altri in modo spontaneo. Stiamo parlando dellEvangelism marketing, o brand evangelism, una strategia di marketing che ha gi un bel po di anni, e che richiama, come potrai facilmente intuire, il significato biblico del termine. E tu neavevi mai sentito parlare Vediamo insieme di che cosa si tratta.Che cos levangelism marketingA diffondere il termine evangelismo nellambito del marketing statoGuy Kawasaki, famosoper il ruolo di brand evangelist di Apple negli anni 80 e per quello di chief evangelist diCanvadal 2014.Come riportato in una intervista rilasciata a Inside Marketing lesperto ha spiegato che il termine evangelizzare deriva dal greco e significa portare buone notizie. E proprio come i credenti portano la buona novella predicando il Vangelo, il messaggio del cristianesimo, in un contesto aziendale, anche il consumatore potr evangelizzare e convertire. Ma in che modo Se il consumatore si particolarmente legato a quel prodotto tender a raccontare la sua esperienza agli altri, in modo spontaneo, cercando cos di incentivare il prossimo allacquisto. Questultimo potrebbe essere conquistato dallentusiasmo e dalla soddisfazione trasmessi dalla condivisione e quindi diventare un nuovo cliente.Autore del testoSelling the dream how to promote your product, company or ideas and make a difference using everyday evangelism, Guy Kawasaki d una definizione di questa strategia sostenendo chelevangelismo consiste nel convincere le persone a credere nel tuo prodotto e alle tue idee tanto quanto ci credi tu, attraverso il fervore, lo zelo, lintuizione e la perspicacia, in modo da rendere i tuoi clienti e il tuo staff appassionati alla tua causa quanto te.Si tratta quindi di un concetto legato a quello di word-of-mouth motore dellevangelism marketing il passaparola, vale a dire la volont di comunicare agli altri i vantaggi dellutilizzo di un determinato prodotto o servizio. Attenzione, per, a non confonderlo con laffiliate marketing, che preveder un compenso per laffiliato, cosa che non avviene nel caso del brand evangelist. importante sottolineare che nel contesto aziendale, il termine evangelism non si riferisce esclusivamente ai consumatori ma a tutti gli stakeholder, come dipendenti e collaboratori, che possono in qualche modo trarre un beneficio dal messaggio dellevangelist.Quanto contano gli user generated contentElemento base dellevangelism marketing sono gli user generated content oggi, grazie alla diffusione dei social network e delle piattaforme di recensione, prima di effettuare un qualsiasi acquisto i consumatori tendono a ricercare cosa gli altri clienti hanno detto su quel determinato prodotto o servizio che hanno gi comprato e utilizzato. Si mette cos in moto un processo basato sul passaparola che consente di risparmiare in investimenti pubblicitari, poich si sfrutta la viralit dei contenuti sul web. Ivantaggi dellevangelism marketing riguardano anche la fiducia da parte di dipendenti, venditori e manager nei confronti del brand dalla loro motivazione dipenderanno la produttivit e il successo del business e di tutti i progetti messi in campo.Come fare evangelism marketingIl prodotto, la tua offerta devono essere s di qualit ma deve esserci una causa da supportare, qualcosa di importante per cui evangelizzare gli altri. Non basta semplicemente cercare di vendere qualcosa funzionale necessario che il prodotto o il servizio in questione sia in grado di contribuire a creare qualcosa di pi grande. E per fare evangelism bisogna essere innamorati sia del prodotto, sia della causa.IL GLOSSARIO DELLEVANGELISM MARKETINGEvangelism Marketing una strategia di marketing che ha lobiettivo di trasmettere alle persone, che si tratti di clienti o di staff, la propria preferenza per un brand o un prodotto, con lobiettivo di portarle a credere che quellacquisto si riveler pieno di vantaggi, al punto tale da consigliarlo agli altri in modo spontaneo.Word of mouthNel marketing il passaparola e si riferisce a clienti e consumatori che spontaneamente descrivono prodotti e servizi di unazienda ad altri potenziali clienti utilizzando mezzi e canali diversi.PER APPROFONDIREEvangelism Marketing i benefici per le aziendeLepoca dellevangelism marketingHow is an Evangelism Marketing plan developed and implementedCome guadagnare con le affiliazioni ai bookmakers online, un network per gestire tutte le tue affiliazioni che ti fornisce un sito e una app affiliazioni. Come ottenere un sito Internet con molto traffico e una App affiliazioni per gestire tutto e monetizzare. Gestione delle affiliazioni ai bookmakers online per pubblicizzare i siti di betting online e guadagnare con i bonus.

 

Hub Affiliations

EXPERTS
Evangelism Marketing,<br /> strategie per convertire
Evangelism Marketing,<br /> strategie per convertire
1920-1280
luglio
05
Evangelism Marketing,
strategie per convertire
A CURA DI HUB AFFILIATIONS IN  HUBAFFILIATIONS 

Trasmettere alle persone, che si tratti di clienti o di staff, la propria preferenza per un brand o un prodotto, con l'obiettivo di portarle a credere che quell'acquisto si rivelerà pieno di vantaggi, al punto tale da consigliarlo agli altri in modo spontaneo. Stiamo parlando dell'Evangelism marketing, o brand evangelism, una strategia di marketing che ha già un bel po' di anni, e che richiama, come potrai facilmente intuire, il significato biblico del termine. E tu ne avevi mai sentito parlare? Vediamo insieme di che cosa si tratta.
 
Che cos'è l'evangelism marketing
A diffondere il termine "evangelismo" nell'ambito del marketing è stato Guy Kawasaki, famoso per il ruolo di brand evangelist di Apple negli anni ’80 e per quello di chief evangelist di Canva dal 2014. Come riportato in una intervista rilasciata a Inside Marketing  l’esperto ha spiegato che il termine "evangelizzare" deriva dal greco e significa  «portare buone notizie». E proprio come i credenti portano la buona novella predicando il Vangelo, il messaggio del cristianesimo, in un contesto aziendale, anche il consumatore potrà "evangelizzare" e convertire. Ma in che modo?  Se il consumatore si è particolarmente legato a quel prodotto tenderà a raccontare la sua esperienza agli altri, in modo spontaneo, cercando così di incentivare il "prossimo" all'acquisto. Quest'ultimo potrebbe essere conquistato dall'entusiasmo e dalla soddisfazione trasmessi dalla condivisione e quindi diventare un nuovo cliente. Autore del testo  “Selling the dream: how to promote your product, company or ideas and make a difference using everyday evangelism“, Guy Kawasaki dà una definizione di questa strategia sostenendo che «l’evangelismo consiste nel convincere le persone a credere nel tuo prodotto e alle tue idee tanto quanto ci credi tu, attraverso il fervore, lo zelo, l’intuizione e la perspicacia, in modo da rendere i tuoi clienti e il tuo staff appassionati alla tua causa quanto te». Si tratta quindi di un concetto legato a quello di word-of-mouth: motore dell’evangelism marketing è il passaparola, vale a dire la volontà di comunicare agli altri i vantaggi dell’utilizzo di un determinato prodotto o servizio. Attenzione, però, a non confonderlo con l'affiliate marketing, che preveder un compenso per l’affiliato, cosa che non avviene nel caso del brand evangelist. È importante sottolineare che nel contesto aziendale, il termine “evangelism” non si riferisce esclusivamente ai consumatori ma a tutti gli stakeholder, come dipendenti e collaboratori, che possono in qualche modo trarre un beneficio dal messaggio dell’evangelist.
 
Quanto contano gli user generated content 
Elemento base dell'evangelism marketing sono gli user generated content: oggi, grazie alla diffusione dei social network e delle piattaforme di recensione, prima di effettuare un qualsiasi acquisto i consumatori tendono a ricercare cosa gli altri clienti hanno detto su quel determinato prodotto o servizio che hanno già comprato e utilizzato. Si mette così in  moto un processo basato sul passaparola che  consente di risparmiare in investimenti pubblicitari, poiché si sfrutta la viralità dei contenuti sul web. I vantaggi dell’evangelism marketing riguardano anche la fiducia da parte di dipendenti, venditori e manager nei confronti del brand: dalla loro motivazione dipenderanno la produttività e il successo del business e di tutti i progetti messi in campo.
 
Come fare evangelism marketing
Il prodotto, la tua offerta devono essere sì di qualità ma deve esserci una causa da supportare, qualcosa di importante per cui “evangelizzare” gli altri. Non basta semplicemente cercare di vendere qualcosa funzionale: è necessario che il prodotto o il servizio in questione sia in grado di contribuire a creare qualcosa di più grande. E per fare evangelism bisogna essere innamorati sia del prodotto, sia della causa. 
 
 
IL GLOSSARIO DELL'EVANGELISM MARKETING

Evangelism Marketing: È una strategia di marketing che ha l'obiettivo di t
rasmettere alle persone, che si tratti di clienti o di staff, la propria preferenza per un brand o un prodotto, con l'obiettivo di portarle a credere che quell'acquisto si rivelerà pieno di vantaggi, al punto tale da consigliarlo agli altri in modo spontaneo.
Word of mouth: Nel marketing è il passaparola e si riferisce  a clienti e consumatori che spontaneamente descrivono prodotti e servizi di un’azienda ad altri potenziali clienti utilizzando mezzi e canali diversi.

PER APPROFONDIRE

Evangelism Marketing: i benefici per le aziende

L'epoca dell'evangelism marketing

How is an Evangelism Marketing plan developed and implemented


CONDIVIDI:
Evangelism Marketing strategie per convertire network video italiani executive affiliazione
Evangelism Marketing strategie per convertire network video italiani executive affiliazione
Evangelism Marketing strategie per convertire network video italiani executive affiliazione
Evangelism Marketing strategie per convertire network video italiani executive affiliazione

Leggi anche:
Eventi
Italy Week: al via il primo expo virtuale dedicato al gaming in Italia
Massafra, 20 settembre 2020 – PER IMMEDIATO RILASCIO   Italy Week: al via il primo expo virtuale dedicato al gaming...
>>
News
Ubersuggest, come scegliere le parole chiave giuste
Tra gli argomenti più diffusi per chi gestisce un sito web, c’è senza dubbio la famosa SEO e ci sono numeros...
>>
News
Digital Customer Journey, conoscere il viaggio del consumatore
Il percorso che ogni persona, spinta da un bisogno, intraprende per dirigersi verso un acquisto si chiama customer journey, vale...
>>
News
Domenico Dragone, un Event and Media Global Manager in Hub Affiliations
Un event manager in casa Hub Affiliations. È Domenico Dragone, fondatore del sito “The Betting Coach”, che ...
>>
News
Article marketing, promuovere un brand con i redazionali
Per pubblicizzare il tuo brand o la tua azienda, hai bisogno di promuovere sul web i contenuti che realizzi, affinché rag...
>>
News
Link Popularity, ottieni visibilità per il tuo sito web
Da tempo ormai hai aperto il tuo sito web e, nonostante sia ottimizzato, abbia una struttura SEO oriented e sia pieno di contenu...
>>
News
Rispondi al tuo pubblico con Answer The Public
Quando scrivi contenuti online, oltre alla forma, alla qualità e all’originalità, dovresti pensare che cosa ...
>>
News
Tik Tok for business, nuove opportunità per aziende e marketer
Disponibile in 75 lingue e per oltre 150 mercati, TikTok for business è la piattaforma globale lanciata, appena qualche s...
>>
News
Dal content al social media: strategie di digital marketing
Intercettare il proprio pubblico, nel posto giusto e al momento giusto. È questo l’obiettivo del marketing che oggi...
>>
NEWSLETTER
ISCRIVITI
t:0.20 s:54726 v:8026515